PALAZZO STRIGARI (EX DE GIULIO)

Di fronte al palazzo di Martino è ubicato il palazzo Strigari, edificato da Antonio De Giulio nel 1813, secondo la data e le iniziali scolpite sulla chiave di volta della portale di ingresso.

L’edificio è di ispirazione eclettica come dimostra la paratassi di elementi del lessico architettonico presente nei due piani della facciata.

Vi troviamo, infatti, le più varie componenti per origine storico-artistiche (ogive neo-barocche, archi a sesto ribassato neo-romantici), che rievocano nel complesso lo stile composito e misurato del Cinquecento.

Al primo piano si aprono quattro balconi, dei quali i primi due a sinistra e l’ultimo a destra presentano una sola finestra, mentre quello centrale ne ha.

Al secondo piano ci sono sei balconcini.

È da notare la diversa decorazione delle ringhiere tra primo e secondo piano: quelle del primo piano sono dei quadrati che recano all’interno tanti piccoli rombi, al secondo le decorazioni si intersecano e si arrotondano a forma di coda di pavone.

Le decorazioni delle balaustre del primo piano sono riprese anche nella bella loggia sita ad ovest.

Al piano terra, in corrispondenza dell’estremità del loggiato, un cippo riporta la data del 1851 con il nome del proprietario Antonio De Giulio, che attesta, forse, l’hanno conclusivo di lavori di fabbrica.